la vita non è un grande armadio rustico dove si allineano pile di lenzuola immacolate e stirate, profumate da un sacchetto di lavanda, ma un coacervo di materassi sporchi dove uomini e donne sono venuti al mondo, dove hanno fornicato e dormito, dove hanno sofferto e sono morti, e tutto è bene così



giovedì 7 novembre 2013

Il disturbo da alimentazione incontrollata, detto anche BED (acronimo dell'inglese Binge Eating Disorder) è un disturbo del comportamento alimentare che si presenta clinicamente con episodi di abbuffate tipici della bulimia nervosa, senza però mostrare i comportamenti compensatori tipici di quest'ultima, quali vomito, abuso di lassativi o diuretici, digiuno successivo. È una patologia diffusa soprattutto tra le adolescenti che, in seguito ad una dieta eccessivamente restrittiva o a problemi personali, cercano un rimedio alla loro sofferenza nel cibo, fino ad arrivare a perdere il controllo. Le periodiche abbuffate possono riguardare sia alimenti dolci che salati, con successive coliche addominali. L'individuo affetto da tale sindrome ha come unico pensiero quello di ingerire qualsiasi tipo di alimento per calmare le proprie ansie, anche se è consapevole che potrebbe recare danni alla sua salute, perché troppo poco sano ed eccessivamente calorico. Di solito è una persona sofferente, isolata, ha scarsa considerazione di sé ed è piena di sensi di colpa perché si sente goffa e brutta. L'insoddisfazione e la depressione sembra potersi risolvere solo con il cibo, ma l'aumento ponderale rende ancora più difficile l'integrazione sociale e il disagio di questo soggetto.

3 commenti:

  1. Io odio tutti i ragionamenti che cominciano con "tanto", li facevo anche io anni fa, nel mio periodo miabbuffopoivomito, e mi hanno trascinato sempre più in basso. Non lasciarti andare a questi pensieri o finirai per crederci, puoi ancora farcela a diventare ció che vuoi essere, non ti arrendere, perdonati e ricomincia! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ti capisco, sono stata anni nel Binge, e anche adesso ci ricado per periodi più o meno lunghi.
    Lotta con tutta te stessa, come dice alice non ragionare col "tanto", rischi di perdere un sacco di tempo, come me, e non lo auguro a nessuno.

    RispondiElimina
  3. Coraggio cucciola. Non sei sola. Sei circondata da persone che ti sostengono e fatto il tifo per te ( tra queste ci sono anche io).
    Fa male cadere, fa male vivere per anni le giornate sempre uguali, lo so per mia esperienza. E dobbiamo cercare di cambiarle, farle fuori.
    Insieme?
    Un abbraccio forte ti sono vicina

    RispondiElimina